Importare dalla Cina: Tre Opzioni

Importare dalla Cina: è meglio cercare di fare da soli, utilizzare una trading company oppure un'agenzia? E' questa la domanda che più spesso mi sento rivolgere da chi è imprenditore quando dico che vivo e lavoro in Cina e che mi occupo di esportazioni verso l'Italia.

La mia risposta è che la scelta più conveniente é affidarsi ad un'agenzia che operi in qualità di ufficio acquisti in Cina. E vi spiego perché. Lavorando con un'agenzia che sia presente sul territorio cinese si possono avere una serie di vantaggi (da quello economico, in termini di costi, alla garanzia di qualità dei prodotti importati, a quello della trasparenza dei costi) che non è possibile conseguire con le altre due opzioni. Vi faccio un esempio pratico, che mette bene in luce le differenze di costo, i vantaggi e gli svantaggi delle tre opzioni... Ipotizziamo che un imprenditore abbia scelto il fornitore X e che abbia concordato con lui l'acquisto di un numero Y di unità di prodotto al costo di 6200 Euro. Lo stesso imprenditore ha anche contattato un società di controllo qualità internazionale, pattuendo un compenso di 300 Euro. C'è poi il costo della logistica che possiamo ipotizzare in 1.500 Euro. A questi importi bisogna aggiungere il costo del suo lavoro - ricerca del produttore, gestione dell'ordine, coordinamento tra la fabbrica, la società di controllo qualità e gli spedizionieri – che possiamo stimare in 500 Euro. Ma vediamo questi dati riportati nello schema che segue insieme a quelli di una trading company e di un' agenzia:

Nello schema i costi soggetti al pagamento del dazio di importazione e al pagamento anticipato dell'IVA, sono evidenziati in rosso. Il costo di reperimento merce, gestione dell'ordine (che include il seguire la produzione - i produttori cinesi infatti lavorano a magazzino zero, cioè ogni articolo ordinato viene prodotto su richiesta) e i costi per la ricerca e il coordinamento dell'attività delle società di controllo qualità e dello spedizioniere internazionale è stato ipotizzato in 500 Euro a fronte di un impegno di circa una decina di ore di lavoro alla settimana durante tutto il periodo di produzione. Il costo per il controllo qualità, ipotizzato in 300 Euro, rispecchia il costo medio per una giornata lavorativa di un ispettore di una buona società di controllo qualità e le spese di viaggio di quest'ultimo per recarsi in fabbrica. Il dazio, per facilità di calcolo, è stato ipotizzato nel 10% del costo della merce e del trasporto e l'importo dovuto per l'IVA (che si paga sulla somma di costo della merce + costo trasporto + dazio) al 21%.

Appare evidente che una trading company, non potendo fornire un break-down dei suoi costi emetterà una sola fattura che, nel costo dei prodotti, includerà anche i costi dei servizi che invece non sono sottoposti a dazi o IVA.

Nel caso invece si sia optato per un'agenzia, questa presenterà una sua fattura per i servizi forniti, mentre sia lo spedizioniere che il produttore fattureranno direttamente al cliente. Questo implica, a parte un'assoluta trasparenza dei costi, anche il risparmio fiscale evidenziato nello schema sopra.

Per quanto riguarda la qualità dei prodotti poi, e' ragionevole sospettare che la trading company cercherà di minimizzare i suoi costi reperendo i fornitori più economici (quelli cioè meno organizzati e quindi più esposti a eventuali disastri di qualità) e facendo effettuare ispezioni di controllo (quando le fa effettuare) meno accurate.

Una agenzia invece, non trovandosi in una posizione di conflitto d'interesse con il cliente, potrà presentargli nella massima trasparenza tutte le opzioni disponibili e fornirgli tutta l'assistenza e la consulenza necessarie.

In conclusione quindi:

Importare da soli. È apparentemente la soluzione più economica, ma è anche quella più rischiosa. Apparentemente più economica perché in realtà, non avendo esperienza con il modo di fare affari cinese e non parlando la lingua – non si dimentichi che ancora oggi la conoscenza dell'inglese non è così diffusa in Cina e spesso è solo approssimativa e fonte di equivoci - non si otterranno mai i prezzi e le condizioni migliori. Il pericolo di incappare in frodi internazionali o anche solo in costose incomprensioni con i fornitori è considerevolmente elevato.

Trading Company. La soluzione che richiede meno impegno da parte del cliente, ma più cara e con potenziali rischi di qualità.

Agenzia. Se si tratta di un'agenzia locale, organizzata come ufficio acquisti virtuale, una volta concordato il compenso, questa soluzione offre la massima trasparenza e a parità di qualità i costi più bassi. Per contro, richiede un certo livello di coinvolgimento (quindi di tempo) da parte del cliente che viene chiamato a prendere, sulla base di tutte le informazioni e consigli ricevuti, le decisioni chiave.

Pin It

FattoinCina.com

Siamo l'agenzia export italiana leader in Cina con oltre 10 anni di esperienza e con più di 500 clienti.
Abbiamo sedi a Jinan e a Canton, in Cina. Forniamo un servizio completo per chiunque abbia bisogno di reperire aziende manifatturiere o prodotti (semilavorati o finiti) in Cina. Assistiamo il Cliente durante l'intero processo, dalla ricerca del fornitore fino al trasporto fino al magazzino del Cliente

Importare dalla Cina

Importare dalla Cina usuifruendo dei nostri servizi diventa davvero semplice. Una volta prenotato il servizio, ti viene assegnato un account manager che, una volta apprese quali siano le tue esigenze, si mette immediatamente al lavoro per te, tenendoti informato passo passo sui progressi del servizio che hai prenotato. Ed è così, sia che tu ci affidi l'intera gestione di un progetto di importazione o anche solo semplicemente la verifica di un fornitore, una ispezione di controllo qualità o la spedizione delle tue merci.